Le semine di marzo, zona per zona del Bel Paese

Ormai il mese di febbraio sta arrivando agli sgoccioli. Con i primi soli, la colonnina di mercurio che si alza sensibilmente, anche il giardino, finalmente, torna a essere vivo. E insieme a lui, il vostro orto.Il mese di marzo non vi deve cogliere impreparati perché è in questo periodo che si iniziano a gettare le basi per un orto ricco e fiorente. A seconda della zona d' Italia in cui vi trovate a vivere questo è il momento di iniziare le semine.

Per comodità si tende a suddividere lo Stivale in quattro zone: la fascia tirrenica (che si estende dalla Liguria sino alla Calabria), la fascia che comprende l' entroterra padano e la riviera adriatica, l' Appennino e la zona delle Alpi. Le zone più fredde (quelle comprese tra l' Appennino e le Alpi) di norma vedono le semine slittare di un mese e compiersi, dunque, a ridosso del mese di aprile. Le prime due zone, invece, si attivano a marzo: il periodo ideale per la semina è nei primi quindici giorni per tutti gli orti appartenenti alla fascia tirrenica, nella seconda metà del mese per i terreni situati nell' entroterra padano o lungo la costa del Mar Adriatico. Ma quali sono le semine che è il caso di effettuare in questo periodo ? Si va dagli ortaggi come le zucchine (che necessitano però luoghi protetti) alla valeriana, dagli spinaci alla rucola, senza dimenticare il ravanello, la rapa, il prezzemolo, i piselli, le patate. Anche alcuni frutti necessitano di essere piantati in questo periodo, prestando bene attenzione che siano situati in luoghi non troppo ventosi e abbastanza protetti: tra questi figurano le fragole, l' anguria e il melone. Marzo, inoltre, è il mese ideale anche per l' aglio e la cipolla estiva. Allora che aspettate a trasformare una parte del vostro giardino in un piccolo orto in grado di darvi tanta soddisfazione nei mesi a venire ?


Questo sito utilizza i Cookie. Cosa sono i Cookie ?