15
Marzo
2013

Marzo: e gli orti e i giardini rinascono

Ci siamo. Sembra che ormai il freddo invernale sia un ricordo dietro di noi. La primavera avanza. E la primavera per gli amanti degli spazi verdi significa una cosa sola: via libera all’utilizzo del giardino. Dopo il lungo letargo è bene dunque prendere in mano tutti gli attrezzi necessari e mettersi al lavoro: la ripulitura e la preparazione del giardino sono due step necessari, che non si possono saltare.

Aspettate ancora un paio di settimane prima di togliere le protezioni e le coperture dalle piante e dagli orti: cali improvvisi di temperatura in questo periodo non sono così rari, è bene continuare a proteggerli. Nel frattempo dedicatevi alla raccolta dei rami secchi, tagliate quelli rovinati, ripulite le zone intorno ad alberi e arbusti. E via alla zappatura e alla concimazione. E’ inoltre questo il momento prediletto per la potatura: nelle settimane del mese di marzo è bene dare una sfoltita a tutte le piante da frutta, alle siepi, alle rose, agli arbusti a fioritura estiva, così da prepararli per il momento in cui faranno sfoggio della loro veste migliore.

Se volete, inoltre, potete fare lavori estetici, spostando piante da un lato all’altro del giardino. Ma attenzione: sappiate che il tic tac dell’orologio scorre. E’ consigliato, infatti, non superare il 20 marzo per questo tipo di lavori, oltre questa data, infatti, le piante (complici le temperature che si alzano) verranno sottoposte a una dose altissima di stress. E’ inoltre marzo il mese giusto per la semina del prato, con tanto di concimi e fertilizzanti.

Gli amanti dell’orto, infine, non avranno modo di annoiarsi: si può iniziare a seminare peperoni, pomodori, zucchine, melanzane, basilico, cavolo. E ancora lattughe, spinaci, ravanelli, rape e chi più ne ha più ne metta. La primavera è alle porte, sì. E con essa anche quei lavori che, per la nostra gioia, a breve daranno i dovuti frutti.

Questo sito utilizza i Cookie. Cosa sono i Cookie ?