20
Maggio
2013

Irrigazione ecosostenibile, i consigli per risparmiare

In tempi di ristrettezze economiche, progettare un sistema di irrigazione che garantisca risparmio d’acqua, regolazioni personalizzabili e una copertura uniforme, è certamente quanto di meglio si possa desiderare per limitare i costi e fare del bene all’ambiente. Per chi ha necessità di una copertura su aree medio-grandi è importante pensare ad un’irrigazione razionale ed ecosostenibile ovvero regolabile in orari prestabiliti e con un’intensità personalizzabile, per nutrire giardino e piante solo quando è necessario e con durata e quantità d’acqua differenti; in tal modo eviterete i ristagni con un evidente risparmio dell’acqua. La tecnologia oggi ci viene incontro, con una grande varietà di impianti per una buona pratica irrigua, senza sprechi e nel rispetto dell’ambiente. Riciclare l’acqua piovana mediante sistemi di riutilizzo è un primo passo verso l’irrigazione sostenibile. Predisponendo ad esempio un semplice impianto di raccolta e riciclo dell’acqua piovana collegabile all’impianto di irrigazione, per un riutilizzo efficiente ed uniforme. Se poi installerete un sensore di pioggia, il sistema di irrigazione si bloccherà in caso di precipitazioni e le acque meteoriche verranno in seguito riutilizzate, riducendo l’utilizzo di acqua dalla falda acquifera.

Importante è anche la manutenzione periodica del giardino, mantenendo l’erba a una media lunghezza (5-6 centimetri) piuttosto che troppo corta. Infatti l’erba alta ha bisogno di meno acqua per crescere e ha radici più forti e in salute, protette dai raggi solari grazie alle foglie verdi. Il giardino va irrigato nei tempi giusti, generalmente la mattina presto e la sera tardi, in modo che parte dell’acqua non evapori con il sole. Un’altra accortezza per risparmiare acqua è quella di irrigare le piante sempre alla base e non sulle foglie, che riceveranno acqua direttamente dalle radici.

Questo sito utilizza i Cookie. Cosa sono i Cookie ?