E' arrivato il primo freddo

{limage}stop.jpg{/limage}

E' arrivato il primo freddo. Dopo il mese di ottobre con temperature in media più alte della norma, tutto ad un tratto siamo calati nel gelo invernale. Le prime piogge e la colonnina di mercurio che si abbassa drasticamente sono pronte a rivoluzionare il nostro programma di irrigazione fino ad ora rispettato.

Bandite i programmatori a batteria e riponeteli in luoghi riparati: per un po' non ne avrete bisogno. Durante la stagione invernale, infatti, la frequenza di annaffiature diminuisce, così come diminuisce la quantità di acqua che le piante o il vostro giardino necessitano. Le uniche piante che hanno bisogno di un' irrigazione tutto sommato regolare sono le sempreverdi, mentre i prati, i giardini e le piante in vaso richiederanno acqua in abbondanza solo nei periodi di siccità o di forte vento, con conseguente dissecazione del terreno. Se avete aiuole la soluzione migliore per proteggerle dal freddo è quella della pacciamatura, che consiste nel ricoprire con corteccia, foglie e piante le radici, in modo tale da proteggerle dal gelo invernale.
Importante, poi, per chi ha sistemi di irrigazione prepararli ad affrontare il freddo. Come? Semplicemente facendo in modo che nei tubi non resti acqua, che una volta gelata, possa rompere i tubi stessi, danneggiando l'intero sistema. Nessun problema, invece, per gli impianti interrati che risultano già protetti dal fatto di essere sotto terra. Il rituale di irrigazione in questa stagione necessita solo di una pausa, prima di tornare attivo e funzionante con i primi soli, in primavera.


Questo sito utilizza i Cookie. Cosa sono i Cookie ?