01
Agosto
2012

Il prato d' estate: la tosatura cambia

Gli amanti dei giardini, degli spazi verdi, dell' orto ormai l' avranno capito, per tutti gli altri è bene ripeterlo ancora una volta: la cura del prato cambia da stagione a stagione. Così come l' irrigazione (che in estate deve essere più abbondante di fronte alle alte temperature e al clima secco che brucia piante e alberi) anche la tosatura del prato varia.


Le tosature, ahinoi, sono quelle operazioni che necessitano di maggiore tempo e la regolarità e l' attenzione con cui vengono effettuate sono necessarie a garantire la salute e la bellezza del prato. Se l' erba non viene falciata con apposita frequenza e nel modo giusto finisce per indebolirsi, lasciando intravedere quell' erbaccia anti-estetica con cui, di tanto in tanto, ci troviamo a fare i conti.

Nel mese di agosto è importante rimodellare il tosaerba in modo tale che il taglio effettuato non sia mai troppo corto: di norma l' altezza giusta è fissata intorno ai 4 centimetri, ma in estate è bene lasciare anche 6 centimetri d' altezza: in questo modo impedite un' eccessiva evaporazione dell' acqua ed evitate che il prato possa essere bruciato dal sole.

Nella stagione del solleone la tosatura è preferibile farla prima di sera, a differenza del resto dell' anno in cui il momento migliore è subito dopo pranzo, nel primo pomeriggio. Per quanto riguarda la frequenza la buona regola è di farlo una volta a settimana, ma in questi periodi in cui la crescita è rallentata è possibile anche attendere 10-15 giorni tra una tosatura e l'altra.

Questo sito utilizza i Cookie. Cosa sono i Cookie ?